Come crescere su YouTube nel 2022

Come crescere su YouTube
Come crescere su YouTube

Hai aperto il tuo canale YouTube, c’hai lavorato con impegno ed hai caricato un certo numero di video. Però i numeri non crescono o crescono meno di quanto vorresti. Vediamo, quindi, come crescere su YouTube nel 2022!

In questo articolo sono costretto ad iniziare dicendo delle banalità, cose di cui hai già sentito parlare e che sai già. È indispensabile per escludere le cose giuste che hai già fatto e separarle da quelle che devi ancora fare.

Le basi del successo

Prima di tutto, sembra scontato, non bisogna mai dimenticarsi della qualità dei contenuti. Si, è ovvio, ma il primo requisito per avere successo è fare buoni contenuti. Si, lo sapevi già. La qualità deve riguardare sia l’aspetto tecnico che quello dei contenuti:

  • il video deve avere una compressione pulita. È meglio un buon FullHD di un pessimo 4K
  • l’audio deve essere pulito. Un audio disturbato, troppo compresso o con fruscii fa scappare più velocemente di un cattivo video!
  • il contenuto deve intrattenere. Nell’era di TikTok e simili, la soglia dell’attenzione è scesa attorno ai 6″…

Tutto chiaro? Rispetti già questi aspetti? Allora un solo consiglio: non t’innamorare dei tuoi video, sii il critico più severo dei tuoi contenuti! Andiamo avanti!

Come crescere su YouTube

Ottenere visualizzazioni
Ottenere visualizzazioni

Ancora qualche banalità e poi passiamo alle informazioni utili. Per prima cosa, mettiamo in ordine gli eventi che ti possono portare ad avere più visualizzazioni, più interazioni ed infine più iscritti. Detto in breve, come avere una crescita organica.

Iniziamo col dire che la “crescita organica” è quella che non deriva da visualizzazioni comprate o comunque ottenute artificialmente. Semplicemente, YouTube propone l’anteprima dei tuoi video, l’utente li guarda e se li gradisce il video sarà proposto con maggior frequenza ad altri spettatori.

YouTube, in particolare nelle prime ore dalla pubblicazione, da le stesse possibilità a tutti i video. Lo proporrà ad un pubblico più vasto dei soli iscritti al canale. Dal successo del video nelle prime ore deciderà quanto proporlo in futuro. Da qui, la prima informazione utile su come crescere su YouTube: l’anteprima gioca un ruolo fondamentale. Se non fosse chiaro, per anteprima s’intende sia la thumbnail (la miniatura) che il titolo del video. Quello che YouTube mostra nei video consigliati.

Se il video ottiene un buon riscontro nelle prime ore, poi va avanti da solo e porterà visualizzazioni, like, commenti ed iscrizioni. Se questo non è successo, bisogna capire perché non è successo.

Perché NON si cresce

perché non si cresce
Perché non si cresce

Possono esserci diversi motivi, ma i principali sono sempre gli stessi due:

  • il video viene proposto ma non viene cliccato
  • il video viene cliccato, ma viene visto per un tempo molto breve

Queste situazioni sono verificabili da Analytics, in YouTube Studio. Nel primo caso il video avrà un CTR (Click Through Rate, percentuale di click) basso. Il CTR è buono se supera il 5%. Se è più basso, probabilmente è l’anteprima che non funziona, non è attraente.

Nel secondo caso, da Analytics si vedrà una “percentuale media visualizzata” bassa: per YouTube, quando la percentuale media visualizzata è inferiore al 65% per i video brevi ed a circa il 50% per i video più lunghi, il video non è abbastanza buono per continuare a proporlo a tutti.

Quando questa percentuale scende, però, il video può ancora portare alla crescita. Sarà sempre possibile trovarlo con una ricerca.

Quindi, come si fa a crescere su YouTube?

Farsi trovare per crescere
Farsi trovare per crescere

Abbiamo visto che alla pubblicazione tutti i video hanno, almeno in teoria, la stessa possibilità di successo. Però, di solito, un solo video che va bene non porta a grandissimi risultati. La crescita organica può essere molto lenta. Solo uno spettatore su dieci si iscrive al primo video che vede di un canale nuovo. Finita la spinta iniziale che YouTube da ai video, bisogna fare in modo che il video venga trovato con una ricerca.

Se esiste un segreto per crescere, è proprio farsi trovare. Per farsi trovare, esistono due vie principali:

  • da dentro YouTube, ottimizzando i video per il motore di ricerca interno
  • da fuori YouTube, ottimizzando i video per i motori di ricerca sul web

Il primo passo, quindi, è quello di ottimizzare il video per essere trovato dentro YouTube. Titolo, descrizione, sottotitoli e tags sono le nostre armi. Però, anche nella ricerca YouTube verranno mostrati prima i video di maggior successo. Se il video non è andato bene nelle prime ore, anche qui potrebbe apparire sotto a molti altri video.

Agire da fuori

La seconda via, quella di farsi trovare dall’esterno di YouTube segue regole leggermente diverse. Per farsi trovare, per esempio, attraverso Google Search, il successo del video su YouTube è relativa. Conta per i video che propone con tanto di miniatura sotto alla ricerca, ma non conta per gli altri risultati. Per gli altri risultati valgono le stesse regole che valgono per qualsiasi contenuto online. Prima fra tutte, la qualità e la popolarità dei link che puntano al video.

Avere dei link al video su piattaforme social e siti di settore aiuta a posizionare il video sui motori di ricerca. Ad esempio, avere una recensione ad un video o all’intero canale su questo sito, aiuta a posizionarsi. Se hai fatto un video utile e viene proposto come soluzione su siti di Q&A (Quora, Yahoo Answers, etc.) aiuta. Più è popolare il sito, più è utile ai nostri video.