Video di qualità – Attrezzatura per YouTube di fascia media ed alta

Video di qualità: Canon XA40
Video di qualità: Canon XA40 (la trovi quà)

Parliamo di videocamere con cui produrre video di qualità senza badare troppo alle spese. Della fascia economica ed ultra economica ci siamo già occupati in precedenza, ora vediamo cosa si può fare senza paletti di prezzo!

Faccio una precisazione: qui non parlerò di reflex o mirrorless, ma di videocamere, quegli oggetti nati appositamente per fare video! I motivi di questa scelta saranno chiariti subito qui sotto, quindi non perdiamo tempo ed iniziamo a scoprire questo mondo!

Un oggetto trascurato

Video di qualità: stabilizzatore per DSLR
Video di qualità: stabilizzatore per DSLR (lo trovi qui)

Spesso, chi inizia a fare video in questo periodo, non prende proprio in considerazione le videocamere alla vecchia maniera e questo può essere un errore.

I motivi sono diversi e non nego in nessuna maniera che reflex e mirrorless siano strumenti bellissimi con cui realizzare ottimi video.

Tuttavia anche le videocamere hanno i loro punti di forza e sono strumenti perfetti per girare video di qualità.

Prima di tutto, guardiamo il loro form factor: questi oggetti sono nati per essere impugnati e puntati nel modo più naturale che esiste, garantendo riprese stabili.

Una macchina fotografica, invece, nasce per essere impugnata tenendola per il corpo macchina con due mani. Quando si montano obbiettivi di una certa dimensione, però, la macchina rimane sbilanciata e spesso bisogna tenerla con una mano sotto all’obiettivo. Nell’impiego come videocamera è spesso necessario adottare un rig (o mount) per poterla utilizzare al meglio.

Quindi, per utilizzare al meglio una fotocamera come una videocamera, dovremo avere appresso: la fotocamera e la sua borsa; la borsa degli obiettivi; la borsa con gli accessori; un cavalletto ed un catafalco di ferro per tenerla in spalla… Ottimo!

L’ergonomia di una videocamera è un’altra cosa!

Piccola e compatta per video di qualità

Video di qualità: Sony FDR-AX33
Video di qualità: Sony FDR-AX33 (la trovi qui)

Partendo da quella che potremmo definire come fascia bassa della fascia alta (come prezzo avrebbe potuto rientrare negli articoli precedenti), possiamo trovare questa bella proposta di Sony. Venduta ad un prezzo di listino di 850€, la Sony FDR-AX33 si trova spesso in offerta ed offre un sensore da 1/2,3″ da 8,29 MP in grado di riprendere in 4K.

Ha un obiettivo ZEISS con distanza focale da 3,8 a 38mm, equivalente ad un 29,8-298mm a 35mm.

Registra due flussi video in simultanea, uno in formato XAVC, a bassa compressione per l’editing ed uno in MP4. Ha l’ingresso microfono, anche se il suo integrato è un 5.1. È capace di operare a bassissima luminosità ed è capace di riprese agli infrarossi, nel buio più totale.

Dispone di connettività via USB, Wi-Fi ed NFC.

Ha pure lo schermo ribaltabile…

Il suo punto debole è il sensore un po’ piccolo, che restituisce un po’ di rumore nelle condizioni di luce peggiori, ma in questo range di prezzo non si può davvero chiedere di più!

Più vicino alle macchine professionali

Video di qualità: Sony FDR-AX100
Video di qualità: Sony FDR-AX100 (guarda qui)

Alzando un pochino l’asticella, sempre in casa Sony, troviamo la FDR-AX100, un modello di qualche anno fa che però è sempre stato aggiornato e quindi ha ancora delle cose da dire. Tanto per cominciare, rispetto al modello precedente, ha un sensore da 14 MP da ben 1″ e questo vuol dire tanta luce in più. Poi ha un obiettivo, sempre ZEISS ma da 9,8 a 111,6 mm di distanza focale, equivalente ad un 29-350mm a 35mm, con apertura da f2,8 a f4,5.

Oltre alle caratteristiche già viste nella piccola di prima, questa include anche filtri ND da 1/4, 1/16 ed 1/64.

La lista completa delle caratteristiche si trova a sul sito ufficiale, ma quello fin qui esposto è ampiamente sufficiente a giustificarne il prezzo, che giusto in questi giorni ha visto un drastico calo ed ora si trova a poco meno di 1300€.

Rispetto alla piccola di prima è anche decisamente più pesante, ma siamo ancora ampiamente sotto al chilo di peso (790 grammi, per la precisione).

Siamo ancora nel range delle compatte, ma salendo ancora di prezzo, peso o funzionalità ci avviciniamo ad un limbo in cui certe distinzioni iniziano a sfumare ed in cui le differenze con altre macchine da presa si perdono per strada.

La linea di confine

Video di qualità: Panasonic HC-X1500E
Video di qualità: Panasonic HC-X1500E (la trovi qui)

Come stavo dicendo, esiste una sorta di linea di confine oltre la quale non ha molto senso andare.

Prendiamo per esempio la Panasonic HC-X1500E, che unisce molte delle caratteristiche delle macchine viste in precedenza ad un obiettivo equivalente ad un 25-600mm, prodotto dalla Leica, stabilizzato meccanicamente su 5 assi. È sicuramente una macchina che permette di realizzare video di ottima qualità, ma le sue dimensioni ed il suo peso (più di 1200 grammi) iniziano a farsi importanti e quindi a vanificare l’interesse per questo tipo di videocamera.

Certo, col suo prezzo di poco superiore ai 1700€ è ancora lontana dai costi di una macchina professionale (di cui ci occuperemo a breve), ma credo che, superati certi limiti di dimensioni e peso inizi a convenire a guardare in quella direzione. Salvo, almeno, che non escano importanti novità.